Posted on Lascia un commento

IL NARCISISTA NON HA SENSI DI COLPA PROPRIO COME IL MALE DENTRO LUI

IL NARCISISTA NON HA SENSI DI COLPA PROPRIO COME IL MALE DENTRO LUI
IL NARCISISTA NON HA SENSI DI COLPA PROPRIO COME IL MALE DENTRO LUI

 Il narcisista

Il narcisista grave, sociopatico e psicopatico, privo di empatia, rimorsi e sensi di colpa, insensibile per la sofferenza che provoca nelle sue vittime… caratterizzato da egocentrismo, emozioni nascoste ed inganno.. è uno degli individui più aperti all’entità oscure e più predisposti ad essere posseduti da esse. Per questo motivo è anche una delle persone più pericolose, soprattutto per gli esseri di luce, anime con cuore puro, genuine perciò facilmente manipolabili, persone empath e sensibili, predisposte di auto sacrificarsi, pieni di energia amorevole e benevola.

L’amore è energia pura. Poiché le vittime del narcisista sono connesse alla fonte primaria di questa energia universale, da quale narcisista è disconnesso, esso è completamente dipendete da loro in quanto sono l’unica fonte della sua provvigione per sopravvivere. A narcisista quest’energia piace, ma siccome essa sia amore puro e divino con frequenza alta, è costretto di sporcarla prima di nutrirsi, affinché l’energia pura si adegui alla frequenza bassa con quale esso stesso vibra, poiché è privo di Dio: empatia e compassione. Per fare ciò mette in atto la sua strategia con quale va a caccia delle sue vittime. Essa è caratterizzata da tre fasi durante quali narcisista sporca l’energia della sua preda:

Le tre fasi della relazione con un narcisista

  • Love bombing(bombardamento d’amore, durante quale il narcisista aggancia la sua vittima con dei grandi gesti d’affetto e d’amore, promesse, complimenti, idealizzazione, regali e attenzioni grandiose);
  • Svalutazione(questa fase inizia quando narcisista è sicuro di aver conquistato perciò decide di sminuire la sua vittima per poter elevare sé stesso e pompare il suo ego);
  • Scarto(la fase in cui narcisista scarta la vittima in una maniera drastica ed improvvisa, come se fosse non è mai esistita);

Alla fine della terza fase, la luce nel cuore della vittima si spegne completamente.  Si sente sperduta, senza dignità, priva di autostima, confusa e piena di emozioni contrastanti come odio, l’ira, rabbia, sensi di colpa e inadeguatezza, vergogna, paura… ecc. La sua energia è completamente avvelenata e risucchiata, ma ciò che è peggio la sua personalità è completamente disconnessa dalla sua anima, perciò si sente vuota e priva d’amore, lontana dalla fonte divina.

I traumi del narcisista

I Narcisisti psicopatici hanno represso i suoi traumi d’infanzia (da parte dei genitori), inoltre questo molti di loro hanno soppresso completamente il fatto di essere stati vittime (in tenera età) del così detto fenomeno: “Abduction”, ovvero sono dei bambini che hanno avuto un’esperienza traumatica a causa di un rapimento alieno, durante quale degli esseri strani immobilizzarono i loro corpi (nei più dei casi parlarono una lingua antica, secondo alcuni fonti la lingua sumera)… lo scopo degli alieni era l’inserimento di alcuni impianti energetici nel corpo del bambino, per renderlo insensibile delle sofferenze che provocherebbe nelle sue vittime, essere schiavo e canale delle forze oscure in caccia di anime perse(l’unico cibo e fonte d’energia per le entità oscure).

La cosa inquietante è che secondo la legge Universale dello Specchio, qui nella Dualità la vittima del narcisista riflette la sua stessa anima “ibernata”. Ovvero, in che modo ella venne divorata da l’entità oscura da quale il suo corpo astrale sia prigioniero.

Un narcisista è in grado di provare dolore soltanto per sé stesso, sfortunatamente esso è così intenso e feroce, pari al dolore di tutte le sue vittime presi insieme… perciò il narcisista è costretto di continuare il suo approvvigionamento narcisistico nutrendosi dall’energia delle proprie vittime.

Il dolore del suo trauma soppresso è così straziante che per lui sia impossibile scendere nel proprio inconscio per curarlo e scacciare via il male di cui è posseduto… questo è il motivo per cui la sua guarigione è quasi sempre impossibile!

Victoria Draco

Copyright ©





Video Corso - Il Lato Oscuro della Forza
Come l’ombra agisce sia nella società che dentro di noi
€ 36.6

Posted on Lascia un commento

Gaslighting. L’anima che non vede. Messaggio dall’Inconscio #35

Gaslighting. L'anima che non vede. Messaggio dall'Inconscio #35

L’Anima che non vede

La lettura di Tarocchi riguarda un’anima che non vede: un segno, un messaggio, cogliere un informazione, ascoltare il proprio corpo o il proprio sentito.. perché le sue percezioni sono stati manipolati e alterati da alcuni agenti nefasti, interni o esterni che siano… Un caso simile a “Gaslighting“.

Il Gaslighting

Il gaslighting è una forma di violenza psicologica tramite la manipolazione mentale. Viene usata dai narcisisti manipolatori sulle loro vittime, come una strategia per confondere e togliere la fiducia in sé stessi, togliere la loro credibilità e autostima, perché nel momento in cui la vittima perde l’autostima e la fiducia in sé, perde la connessione con la propria anima, diventa condizionabile, si sente confusa e annebbiata… perciò crede nella realtà che le sia stata imposta dal suo amato manipolatore. Obiettivo del gaslighter è quello di confondere la vittima per controllare la sua vita e per sentirsi più forte, sicuro e appagato.

Il Gaslighter

Il gaslighter è un abilissimo attore ‘manipolatore’. Studia ed osserva attentamente la vittima e di solito è portato a scegliere donne (o uomini) fragili, piene/i di insicurezze, con storie di abbandono, abusi e/o violenza, con labile autostima, bisognosi di conferme e di sicurezze.

Nella prima fase in cui conquista il cuore della vittima, si traveste nel partner ideale quale ogni donna spera e sogna: simpatico, amabile, dolce, gentile, grazioso, caro, gentile, cortese, generoso, premuroso.. ecc.

Nella seconda fase il gaslighter destabilizza la vittima, privandola dal suo “affetto” di cui essa è bisognosa. Dopo di che manipola dei fatti e elementi della realtà per convincerla che sia pazza (ad esempio: dicendole che si ricorda avvenimenti o circostanze mai avvenute, che il suo nome e cognome sono altri, che vede e sente cose che in realtà non ci sono, ecc..).  Allora la vittima inizia sentirsi confusa e persa, non sente più la sua guida interiore perciò diventa debole e dipendente da lui, a quel punto il manipolatore assume un comportamento violento e abusivo, umiliando e sottomettendola affinché essa non diventi completamente insicura, incapace di discernere e giudicare la realtà in cui vive. Questa strategia serve al gaslighter per accrescere il proprio senso di controllo e potere assoluto.

Buona visione!
Victoria D.
❤️



Controllo Mentale - 4 Cd Mp3
Tecniche proibite per ottenere ciò che vuoi

Voto medio su 3 recensioni: Buono

€ 97

L'Ombra di Narciso
Psicoterapia dell’incapacità di amare
€ 22